#cap1 #cap2 #cap3 #cap4 #cap5 #cap6 #cap7 #cap8
Sabato 25 novembre, dalle 17.00 alle 19.00, in biblioteca, Laboratorio tenuto da Chiara Vignocchi della Casa Editrice Minibombo!
Biblioteca. Sabato 18 novembre NON si svolgerà
la consueta Ora della Lettura.
Appuntamento a sabato 25 novembre!
CHIUSURA della Biblioteca
Venerdì 8 e sabato 9 dicembre
Sei in: Home >>> Fondazione >>> Fondazione CSMC BiblioPan

Biblioteca Civica
Via C. Alberto 21/A
San Maurizio C.se
Tel. 0119279509
biblioteca@bibliopan.it

ORARI
Dal lunedì al venerdì:
dalle 15,00 alle 18,00
Mercoledì, venerdì e sabato:
dalle 9,00 alle 12,00

Fondazione CSMC BiblioPan

Fra la fine del 2009 e l’inizio del 2010 il Comune di San Maurizio Canavese, per scelta strategica e motivazione sociale con obiettivi formativi, didattici e culturali, pervenne alla decisione di investire parte delle proprie risorse per la costituzione ed il mantenimento di una “propria” Fondazione specificatamente dedicata al consolidamento delle attività svolte dalla Biblioteca Civica ed al Laboratorio Musicale nella sede del vecchio asilo Umberto I. 

Era certamente un progetto ambizioso il cui esito – come sovente accade – dipendeva in buona parte dall'entusiasmo e dalla consapevolezza delle persone che avevano, per prime, creduto nel progetto, oltre che alle capacità tecniche e professionali dei responsabili delle attività prescelte. Fino all’estate 2010, tali attività erano state sviluppate mediante il supporto giuridico ed amministrativo della Fondazione ECM di Settimo Torinese con buoni risultati; tuttavia il recupero edilizio e strumentale dell’ex-asilo e le sollecitazioni riscontrate dall’utenza del territorio del Comune e di quelli vicini, spinsero l’Amministrazione Comunale ad assumere la decisione di disporre di uno strumento proprio. 

 La Fondazione CSMC Bibliopan (Fondazione Comune di San Maurizio Canavese Bibliopan) fu così concepita con la deliberazione n. 24 del 27 maggio 2010 adottata dal Consiglio Comunale all’unanimità e concretizzata con la firma dell’atto costitutivo da parte del Sindaco Roberto Canova il 14 giugno 2010. A differenza di altre soluzioni esaminate, la Fondazione fu individuata perché strumento più idoneo di altri a perseguire nel tempo la scelta e la motivazione condivisa, anche a livello politico, dal Comune. Infatti la disciplina civilistica sulla Fondazione è chiara sull'argomento: lo “scopo e l’oggetto” non possono più essere variati dal Fondatore; il suo patrimonio diventa quindi direttamente vincolato al loro perseguimento; il controllo pubblico sulla correttezza dell’operato e della gestione fatta dagli amministratori passa alla Regione.   

 

Dopo sei anni di attività, quantomeno i numeri raggiunti testimoniano che le scelte compiute dagli amministratori in intesa con il Fondatore e la condivisione dei Responsabili operativi, sono state coerenti con i presupposti di partenza: circa 12 mila libri annualmente dati in prestito dalla Biblioteca e circa 160 allievi nel Laboratorio Musicale.

Inoltre la creazione dell’accademia musicale ORSTÄIN nel 2015 e lo spostamento della Biblioteca civica nella sede storica nel 2016 sono segnali evidenti della volontà di proseguire lo sviluppo in modo razionale, costante e finalizzato agli obiettivi della Fondazione.

Il motto della Fondazione: “Rendersi conto per essere responsabili”

Il Presidente ha voluto proporre questo motto quale guida per tutte le persone che operano nella Fondazione e per tutti gli allievi ed utenti dei servizi erogati: seppur molto sintetico esso evidenzia due fasi fondamentali per la formazione sociale e culturale della persona:

· “rendersi conto” presuppone che ciascuno si abitui a compiere costantemente una seria ed oggettiva autovalutazione delle proprie doti, attitudini e capacità rispetto a tutto il mondo che lo circonda ed alle situazioni di vita che man mano affronta; con la tecnologia oggi disponibile e le urgenze decisionali ed operative richieste da una congiuntura economica quantomeno complicata, questo principio non è mai così scontato e soprattutto facilmente recepibile.

· “essere responsabili” presuppone che ciascuno, sulla base dell’autovalutazione costante compiuta, agisca di conseguenza e quindi si prodighi per dare il proprio contributo intellettuale e concreto affinché la qualità di vita diventi  la migliore possibile rispetto alle risorse realmente disponibili.

Trattasi quindi di condividere un percorso mirato alla formazione della singola persona, senza alcuna impostazione predeterminata di natura religiosa o partitica, da attuarsi tramite semplici metodi e strumenti di ragionamento e comportamento, anche di natura morale, con lo scopo di far comprendere come il miglioramento della propria qualità di vita dipenda quasi totalmente dall'impegno che ciascuno darà nel proprio percorso di vita a favore del benessere di tutti, con senso del dovere, nel pieno rispetto delle altre persone con cui si hanno rapporti, ricercando costantemente la voce della propria coscienza anche nei momenti decisionali più difficili.  

Propositi ed obiettivi

Nel rispetto del motto della Fondazione, gli obiettivi concreti che si intendono perseguire nel triennio 2016/2018 dovrebbero consentire di:

· mantenere e migliorare qualitativamente l’attuale offerta dei servizi, sia della Biblioteca che del Laboratorio Musicale, essendo pienamente consci che la congiuntura economica e le normative di contenimento della        spesa pubblica potrebbero ostacolare in termini anche rilevanti tale proposito;

· confrontarsi costantemente e coscientemente con le altre realtà operanti sul territorio aventi obiettivi e finalità condivisibili per evitare di non comprendere appieno l’evoluzione della realtà territoriale in cui si opera;  

·  continuare a collaborare con il Comune per la ristrutturazione della sede storica di via Olivari per equilibrare il più possibile i risultati fra spese necessarie ed opere realmente utili: raggiunto nel 2016 l’obiettivo finale    di concentrare nella sede anche la Biblioteca, occorre ancora realizzare un piccolo auditorium attrezzato oramai necessario per sostenere le attività del laboratorio e dell’accademia musicale, oltre che per mettere a disposizione del Comune uno spazio tecnicamente adeguato per eventi pubblici che richiedano qualità e disponibilità nel centro storico.

 

Link Utili

 
 

Laboratorio Musicale
“Il Flauto di Pan”
Via Olivari 17
San Maurizio C.se
Tel. 0119278150
flautodipan@bibliopan.it

ORARI ATTIVITÀ:
Da ottobre a maggio tutti i pomeriggi dalle 14,30 alle 19,30

SEGRETERIA:
Martedì e giovedì
dalle 16,00 alle 19,00